Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
OK

Torna ai risultati della ricerca

Bosco Cappuccio

(Segrado (GO))

Località sul pianoro Carsico, di fronte a San Martino del Carso. Nel 1915 le truppe italiane per attaccare le difese austriache di Bosco Cappuccio, partivano da Gradisca, oltrepassavano l'Isonzo sulle passerelle, entravano in Sdraussina, quindi iniziavano il vero e proprio avvicinamento alla prima linea nemica con la salita del ciglione Carsico.
Il settore era di pertinenza dell' XI° corpo d'armata, che il 5 giugno 1915, con la Brigata Regina a sinistra e il 30° fanteria della Brigata Pisa a destra, occupava Gradisca, andando a presidiare l'Isonzo sino alla confluenza col Vippacco. All'alba del 23 giugno, I Battaglia dell'Isonzo, tre Brigate di fanteria assalivano la zona tra il monte San Michele e San Martino del Carso, cozzando contro i reticolati intatti; costrette a rientrare alle linee di partenza, ancora il 4 luglio, dopo un intenso quanto inutile bombardamento, provavano ad occupare la prima linea austriaca di Bosco Cappuccio e dei contigui Bosco Lancia e Bosco Triangolare.
Senza successo. Il 18 luglio 1915, II Battaglia dell'Isonzo, con identico piano d'attacco, veniva reiterato il tentativo di sfondamento delle difese nemiche di Bosco Cappuccio, vera chiave di volta per la conquista del paese di San Martino del Carso. Le difese austro ungariche, su due linee, protette da quadruplice fila di reticolati, con decine e decine di nidi di mitragliatrici, non cedettero. Il 21 ottobre 1915, III Battaglia dell'Isonzo, alternate le truppe italiane in linea, di fronte al Bosco Cappuccio era schierata la Brigata Catanzaro. Nonostante l'eroismo dei suoi fanti, furono conquistate solo modeste posizioni, gli avamposti nemici, senza che la difesa fosse minimamente intaccata. La cattiva stagione e l'esaurimento delle Brigate italiane, dissanguate da mesi di inutili assalti, consigliò al nostro Comando Supremo una sospensione delle operazioni.
A primavera del 1916 ricominciavano gli attacchi dell'esercito italiano, con una novità: il potenziamento dell'artiglieria, soprattutto nei calibri pesanti, il maggior numero di mitragliatrici e l'aumento degli effettivi delle Brigate. Tuttavia la V Battaglia dell'Isonzo, iniziata in marzo, fu un disastro non diverso dalle precedenti, ma le due prime linee erano ormai quasi a contatto. Il 29 giugno 1916, gli austriaci, impiegarono un arma fino ad allora mai utilizzata: i gas venefici. Fu una strage di italiani, di cui le scarse forze nemiche non seppero approfittare, a sera tutto tornava come prima.
Il 6 agosto 1916, iniziava la battaglia di Gorizia, VI dell'Isonzo; la conquista delle teste di ponte del Podgora e del Sabotino, permetteva alle truppe italiane di entrare nella città. Per paura dell'accerchiamento Boroevic ordinava il giorno 10 l'abbandono del Carso. Il Bosco Cappuccio diventava retrovia italiana.
La guerra non si allontanò di molto, solo pochi chilometri in linea d'aria. Con la XII Battaglia dell'Isonzo, si ebbero alcuni sporadici combattimenti tra la 3° armata in ritirata verso il Tagliamento ed il Piave con le avanguardie della Isonzo Armee che avanzava. Poi calò finalmente il silenzio su quelle martoriate terre.

Persone correlate

Montagna