Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy.
OK

Torna all'elenco delle news

70° Anniversario della morte di Mons. FRANCESCO VASILE

05 febbraio 2018

Nacque il 31 agosto 1878 in Trivento, da Nazario e Marianna Fagnani.

Ordinato Sacerdote il 7 luglio 1901 resse con zelo, fino al 1910, prima la parrocchia di Roccaspromonte e poi quella di S. Biase.            Fu chiamato in Curia come vice Cancelliere e dal 25 dicembre 1915, con bolla di Mons. Lega, vi restò a reggerla come capo.                  Il 25 marzo 1926 fu nominato Delegato Vescovile da S. E. Mons. Geremia Pascucci e, successivamente, S. E. Mons. Attilio Adinolfi con atto del 10 Aprile 1928 lo nominò Vicario Generale della Diocesi, esprimendosi con queste parole: "[...] Nessuno meglio di Lei che da gran tempo e con tanta prudenza regge la Curia Vescovile, che ha goduto la stima degli Eccellentissimi e Rev.mi miei predecessori e che possiede una conoscenza così precisa ed esatta delle persone e delle condizioni di tutte le Parrocchie, potrà essere il mio più valido e zelante cooperatore nell'arduo compito affidadomi dalla Divina provvidenza e dal S. Padre. La nomina che le comunico oggi e che Ella con il suo lavoro, con il suo sacrificio, con le sue virtù ha saputo meritarsi, sia attestato dalla mia cordiale gratitudine per il gran bene finora compiuto a vantaggio della intera Diocesi, sia espressione della illuminata fiducia e profonda stima  ch'io nutro per lei, sia anche motivo per attirarle dal Cuore Divino di Cristo l'abbondanza delle più squisite sue grazie ch'io con la mia povera preghiera le imploro e le implorerò sempre." Meritando la fiducia dei suoi superiori, fu riconfermato quale Vicario della Diocesi da S. E. Mons. Giovanni Giorgis e S.E. Mons. Epimenio Gianico. Animato da zelo ardente per ogni iniziativa intrapresa, portava il valido contributo della sua illuminata prudenza e della sua opera assidua e generosa in ogni attività.  Fu ideatore e redattore responsabile del Bollettino Ufficiale della Diocesi dal 1925 al 1947. Cessò di vivere, mentre presiedeva una riunione capitolare in Cattedrale, il 5 febbraio del 1948.

Persone correlate

Montagna